Indietro

Allagamenti e terremoti, meno rischi

Capannoli (foto di Piero Frassi)

Il Comune ha adottato la variante al regolamento urbanistico. Ridotte alcune lottizzazioni sia nel capoluogo che a Santo Pietro Belvedere

CAPANNOLI — Nell'ultima seduta dell'anno il consiglio comunale ha adottato la variante quinquennale al regolamento urbanistico. Un regolamento in cui i punti cardine sono la salvaguardia del rischio idrogeologico e la riduzione del consumo di suolo.

"La variante - hanno spiegato dal Comune - ha preso avvio a fine 2014, è giunta oggi alla fase dell'adozione imbattendosi nel frattempo nella nuova Legge Regionale sull'urbanistica che ha cambiato la filosofia del costruire in Toscana".

Queste le scelte politiche principali compiute a Capannoli: "In primo luogo - hanno detto dal municipio - un saldo positivo in termini di riduzione di consumo di suolo: rispetto alla destinazione residenziale sono state ridotte alcune lottizzazioni sia nel capoluogo che nella frazione di Santo Pietro, compensate in parte da aree di completamento, al fine di favorire l'avvio dell’edificabilità, in un momento in cui il settore dell'edilizia fatica ma in un territorio, quello capannolese, in cui il mercato immobiliare ha ancora interesse ed è vivace".

"Particolare attenzione - hanno aggiunto - è stata rivolta ad un approfondito studio idraulico per individuare soluzioni sostenibili per salvaguardare il rischio idrogeologico che riguarda il paese di Capannoli e prevenire allagamenti e smottamenti in occasione delle copiose e improvvise piogge oramai sempre più frequenti. Sono state individuate tre zone a monte di via Volterrana per la realizzazione di vasche di regimazione tese a trattenere le acque meteoriche per alcune ore ed a rilasciarle gradualmente nelle ore successive, in modo da non aggravare la condotta fognaria".

Per quanto riguarda la prevenzione dei fenomeni di sismicità il Comune si è dotato del Mops, Microzonizzazione Omogeneea della Pericolosità Sismica "una carta della pericolosità sismica - hanno spiegato - che pochi Comuni del nostro territorio hanno redatto e su cui il Comune di Capannoli ha deciso di investire pur non essendo obbligatoria. Il tema in questo caso interessa principalmente la frazione di Santo Pietro Belvedere, che ha alcune zone critiche, interessate da una maggiore fragilità territoriale".

Attenzione anche al problema dell'abbattimento degli ostacoli per i disabili: "Il Paba, Piano Abbattimento Barriere Architettoniche fino ad ora era più una serie di linee di indirizzo. Con il nuovo regolamento urbanistico sarà un vero e proprio piano operativo che contempla sia l'accessibilità agli edifici pubblici sia la vivibilità delle aree urbane".

"Abbiamo scelto di dedicarci ad alcuni temi sensibili per il nostro territorio, in linea con il programma di mandato che stiamo portando avanti e che mette tra le priorità la salvaguardia dell'ambiente e del territorio - ha commentato la sindaca Arianna Cecchini - L'attenzione per esempio rispetto a soluzioni atte a salvaguardare il rischio idrogeologico è in linea con i molti interventi, già realizzati ed in corso, di potenziamento della rete fognaria. Anche la volontà di potenziare il Paba è in linea con i finanziamenti ottenuti sul bando regionale per l'abbattimento delle barriere architettoniche".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it