Indietro

La pista ciclabile della costituente

La sindaca Ciampi scopre la targa per Teresa Mattei

Doppia intitolazione per la festa della donna. Pista e passerella ricordano le partigiane e madri costituenti Teresa Mattei e Teresa Noce

CALCINAIA — Circa 800 metri verso la lucchesina, a partire da piazza Timisoara e circa 300mila euro investiti dall'Amministrazione. E' L'inizio della pista ciclabile di raccordo tra Fornacette e Calcinaia, un collegamento ideale che si spera possa essere completato in futuro. A snocciolare le caratteristiche dell'opera pubblica è Cinzia Forsi, dell'ufficio tecnico comunale.

"Il progetto preliminare per proseguire la pista esiste già ma serviranno ulteriori risorse per concretizzare gli altri quattro chilometri necessari a collegare Fornacette a Calcinaia" ha spiegato la responsabile del servizio tecnico. Nel frattempo, l'Amministrazione celebra questo primo traguardo intitolando la pista a Teresa Mattei, madre costituente, partigiana, donna di battaglie politiche e passione civica.

A pochi metri di distanza dalla targa che porta il suo nome c'è un secondo cartello: questo "battezza" la passerella che sormonta l'Emissario. Un'altra donna storica: Teresa Noce, anche lei madre costituente. Nota come Stella, partecipò alla resistenza, fu imprigionata e deportata. Si occupò della parità di genere e della parità salariale per le donne e fu lei, nell'articolo della Costituzione che sancisce la parità dei cittadini, a voler inserire la dicitura: senza distinzioni di sesso.

"Ho conosciuto Teresa Mattei di persona quando ero assessore - ha raccontato la sindaca di Calcinaia Lucia Ciampi durante la cerimonia di intitolazione. - È stata la più giovane delle 21 madri costituenti, conosciuta come la fautrice della mimosa - ha spiegato la sindaca - ha vissuto gli ultimi trent'anni a Usigliano di Lari e il 18 marzo uno spettacolo teatrale al circolo Arci di Calcinaia ne ricorderà le gesta".

"Non è stato facile scegliere fra le venti madri costituenti - ha aggiunto Ciampi a proposito della seconda intitolazione, quella della passerella, dedicata a Teresa Noce. - Il criterio guida è stato il dato anagrafico. Volevo inoltre che le donne fossero ricordate con il loro cognome, non quello del marito".

Alla cerimonia hanno partecipato anche Ida Mattei, la sorella di Teresa, e Rocco Muzio, il figlio. "Mia madre amava molto le biciclette - ha spiegato Muzio. - Durante la guerra gli uomini non potevano girare in bici, lei come staffetta ha percorso tutta la provincia. A Signa ha fatto saltare otto vagoni di dinamite che i nazisti avevano nascosto in una galleria, scappando poi in bici all'Università, dove ha discusso la tesi di Laurea come alibi per non finire nelle mani dei tedeschi".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it