Indietro

Pirandello visto da Lavia e Bacci

Doppio appuntamento nel weekend in arrivo, in scena 'L'uomo dal fiore in bocca' nelle versioni dei due registi. In scena Dario Marconcini

PONTEDERA — Doppio appuntamento al Teatro Era, sabato 28 gennaio alle 21 e domenica 29 alle 18,30 con L’uomo dal fiore in bocca di Luigi Pirandello nella versione adattata da Gabriele Lavia e in quella con Dario Marconcini diretta da Roberto Bacci. 

Un progetto che mette in luce le diverse anime del teatro, e le infinite possibilità che un autore, un attore e un regista hanno per intervenire su un testo e sullo spazio scenico. 

Per Lavia è la scena maestra dell’incomunicabilità, della solitudine che si aggrappa alla banalità dei particolari più piccoli e insignificanti del quotidiano per cercare di rintracciare una superiorità della vita sulla morte. Gabriele Lavia con Michele Demaria e Barbara Alesse prova a trattenere quella vita un altro po’, prima della fine. Il breve “atto unico” è stato interpolato con “pezzi” di novelle che affrontano il tema (fatale per Pirandello) del rapporto tormentato tra marito e moglie … che viene visto col distacco di un’ironia che rende i personaggi vicinissimi a noi.

Una prova d’attore la versione di Dario Marconcini, in scena con uno dei suoi storici cavalli di battaglia, che grazie alla regia di Roberto Bacci in qualche modo rovescia i canoni convenzionali finora usati per quell’atto unico, rendendo gli spettatori veri protagonisti di questa intima esperienza con la morte. Un momento di grande intima per lo stesso Marconcini che ritorna a distanza di molti anni su un testo che mette comunque l’uomo di fronte alla paura, alla solitudine e allo scorrere del tempo.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it