Indietro

Indagini su Strada di Patto, le reazioni

Il sindaco Franconi: "Fiducia nelle attività della magistratura". L'ex Millozzi: "Sicuro che dipendenti dimostreranno la loro estraneità"

PONTEDERA — Le indagini sulla Strada di Patto scuotono palazzo Stefanelli, dove tre dipendenti comunali risultano indagati per truffa aggravata ai danni dello Stato, falsità ideologica e abuso d’ufficio dalla procura di Pisa. La notizia è stata data questa mattina dalla Guardia di Finanza, che in conseguenza a questa indagine, su disposizione della procura regionale della Corte dei Conti di Firenze, ha eseguito il sequestro di beni mobili e immobili per un milione di euro per il presunto danno erariale provocato dai tre dipendenti.

Il sindaco Matteo Franconi, già assessore ai lavori pubblici, ha riferito di aver appreso questa mattina stessa dell'indagine in corso. "Ho appreso dagli organi di informazione di una indagine in corso - ha scritto il primo cittadino - relativa all'esecuzione delle lavorazioni sulla Strada di Patto ed alle attività intraprese dagli organi inquirenti. Senza avere elementi né titoli per entrare nel merito degli accertamenti in corso esprimo piena ed incondizionata fiducia nelle attività della magistratura auspicando che venga fatta piena luce sulla vicenda. Chiarezza che la stessa amministrazione comunale ha preteso intraprendendo qualche anno fa, in sede civile, una azione volta al risarcimento dei danni e chiedendo al giudice di stabilire le responsabilità che hanno causato le criticità della strada in questione".

Sulla stessa linea l'ex sindaco Simone Millozzi, che interpellato da QUInews Valdera si è anche detto fiducioso che i dipendenti comunali coinvolti riusciranno a dimostrare la loro estraneità ai fatti contestati. 

"L'unica cosa che posso dire - queste le parole di Millozzi - è che ho piena fiducia tanto nelle indagini in corso quanto nei dipendenti comunali coinvolti: non nutro nessun dubbio che riusciranno a dimostrare la loro estraneità, vista la stretta collaborazione che c'è stata negli anni. Del resto, come Comune, siamo stati i primi a chiedere accertamenti tecnici su come era stata realizzata la Strada di Patto, accertamenti che ci hanno dato ragione".

Mentre dall'opposizione Matteo Bagnoli (Fratelli d'Italia - Pontedera Sicura) ricorda: "Per anni abbiamo denunciato il fatto! Ora la verità sta venendo alla luce". Quindi aggiunge: "Ci sarà da vederne delle belle! Se qualcuno ha realmente e volutamente sbagliato è giusto che paghi!"

"Grazie alla denuncia del nostro consigliere Domenico Pandolfi e di Federica Barabotti - all'epoca consiglieri comunali di Forza Italia, ndr - finalmente un po’ di luce sull’annosa questione della Strada di Patto" hanno invece commentato dalla Lega.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it