Indietro

Il trenino a cremagliera del Serra

Il trenino a cremagliera di Chamonix

Il progetto fu lanciato una quarantina d'anni fa ma non è stato attuato. Come quello degli alberghi. Peccato ?

PONTEDERA — Anche per dimenticare per un momento il dramma dell'incendio, pensatevi in gita su un trenino a cremagliera che vi porta a spasso per un Serra sano. Paesaggi stupendi, il castello pisano sul cucuzzolo della Verruca e sotto la piccola torre rimasta a un passo dal precipizio della cava ma che resiste almeno da sei secoli. La 'tagliata', strada di crinale che porta verso il monumento degli avieri caduti e al passo tra il versante calcesano e quello butese. Poi lo splendore di Santallago con vicina passeggiata verso le antenne e con sguardo sulla Buti pacificamente sdraiata nella nella sua valle. Poetava il Carducci, che ancora non conosceva la bella piazza butese, oggi riferimento di molte persone dopo aver cenato in uno dei tanti moderni ristoranti butesi:

"Brutto borgo è Buti: a valle

tra le rocce grige e ignude

il Riomagno brontolando

va di Bientina al palude.

Ma su alto oh come belli

d'ubertà ridono i clivi,ma su alto oh come lieti

ne l'april svarian gli ulivi!

Bacchian li uomini le rame,

le fanciulle fan corona,

e di canti la collina

e di canti il pian risona

mentre pregni d'abbondanza

ispumeggiano i frantoi....". 

In mezzo a tutto questo il trenino passerebbe ancora, sicuramente carico in estate, se quarant'anni or sono fosse stato attuato il progetto pensato e studiato in tutti i particolari dal pontederese professor Giuseppe Caciagli, personaggio d'indole rinascimentale che si occupava di tutto. 

Dalla storia alla politica, paesaggio e Divina Commedia sulla quale presentò un innovativo commento. Ma insieme al trenino a cremagliera, diffuso in tutto il mondo, il Serra avrebbe potuto avere anche attrezzature turistiche, alberghi e annessi, che una società voleva realizzare senza però ottenere il via libera dalla politica pisana. 

Ma sarebbe stato davvero sbagliato un Serra turistico a portata di mezzora di macchina da Pisa, da Pontedera e da tutti i centri del Valdarno inferiore? Ci sarebbero stati meno incendi perché gli incendiari hanno bisogna di agire nella solitudine? Il trenino a cremagliara e gli alberghi sul Serra non sono, comunque gli unici progetti infrastrutturali, turistici ed economici, mai attuati nella nostra zona. 

Ce ne sono molti altri e ne riparleremo.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it