Indietro

Fosso Maltagliata, interviene anche l'opposizione

Il fosso in via Veneto

Dopo la denuncia di cittadini e residenti di via Veneto, la Lista Civica Indipendente scuote l'amministrazione: "Si può e si deve agire subito"

PONTEDERA — Sulla situazione delle cateratte del fosso Maltagliata in via Vittorio Veneto interviene anche la Lista Civica Indipendente. "Tutto quello denunciato con impressionante efficacia da un video realizzato dai residenti, la Lista Civica Indipendente lo ha già direttamente segnalato all'amministrazione, evidenziandone l'insostenibilità e sollecitando una rapida azione".

Dopo la denuncia di cittadini e negozianti che hanno raccolto firme per presentare un esposto in Procura, anche il gruppo d'opposizione si affianca: "E' inaccettabile. Il tratto scoperto che collega il canale all'Era è divenuto un ristagno di acqua putrida e maleodorante. Ratti e altri animali vi si moltiplicano, invadendo cortili e giardini circostanti. Una folta vegetazione si è sviluppata aggredendo le murature limitrofe, minandone la struttura e la resistenza alle infiltrazioni. Le cateratte, ormai avviluppate dalle piante, si stanno disfacendo corrose dalla ruggine nella totale assenza di manutenzione".

Secondo la Lista Civica Indipendente "alcuni interventi possono essere fatti immediatamente, quali l'aspirazione dei liquami stagnanti e la ripulitura della vegetazione. Si agisca subito, non è accettabile attendere un minuto di più. Per quelli più strutturali, che richiedono il coinvolgimento di altri enti preposti, ci attendiamo un'azione rapida e decisa che porti a permettere il tombamento del fosso, unica soluzione definitiva".

"Soprattutto - conclude il segretario Federico Orsini -, riteniamo grave che non esista alcuna barriera a separare i giardini pubblici dalla zona di accesso alle cateratte, percorso costituito da un passo di circa 60 centimetri privo di ogni protezione dalla caduta di oltre tre metri dentro il fosso stagnante. Chiunque, un curioso, un bambino, può avventurarsi e cadere. Non è possibile che una zona transitata e frequentata da famiglie e gruppi di ragazzi presenti un tale pericolo. Su questo si può e si deve agire immediatamente".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it