Indietro

"Da FdI strumentalizzazione vergognosa su Tmm"

La consigliera regionale Serena Spinelli

Le accuse a Rossi e Millozzi da Fratelli d'Italia Valdera continuano a provocare reazioni indignate. E' la volta della consigliera regionale Spinelli

PONTEDERA — Ancora parole di censura nei confronti di Fratelli d'Italia Valdera, che sul caso degli ex operai Tmm raggiunti da una richiesta danni per un milione di euro, anziché unirsi alla solidarietà pressoché unanime, ha attaccato l'operato del sindaco di Pontedera e del governatore della Toscana ("Rossi e Millozzi a fianco dei lavoratori non ci sono mai stati veramente"). Come se non bastasse, alla replica indignata del segretario locale del Pd, Floriano Della Bella ("Da FdI dichiarazioni inutili e infondate"), FdI ha controreplicato con altre accuse personali nei suoi confronti (Il caso Tmm fa discutere la politica).

“Se Fratelli d’Italia  - queste le parole di Serena Spinelli, capogruppo in Regione di Articolo Uno Mdp - non sa cosa ha fatto la Regione Toscana in questi mesi a sostegno dei lavoratori della TMM di Pontedera, farebbe bene a informarsi. E comunque invitiamo Fratelli d’Italia ad autodenunciarsi come ha fatto il presidente Enrico Rossi a fianco dei lavoratori, pesantemente e ingiustamente colpiti prima dai licenziamenti e poi dalla richiesta danni da un milione di euro avanzata dal liquidatore dell’azienda per avere occupato la fabbrica in difesa del proprio posto di lavoro. Un atto di intimidazione profonda, per il quale esprimo la mia totale solidarietà a tutti gli operai coinvolti". 

"Lascia senza parole la meschinità con cui FdI utilizza una vicenda dolorosa come quella della TMM - aggiunge la consigliera regionale - per sollevare una polemica di parte, come pretesto per attaccare le istituzioni locali e regionali che in tutti questi mesi insieme al sindacato non sono stati di certo a guardare, ma che anche contro la volontà della proprietà hanno lavorato per trovare una via d’uscita che salvaguardasse i livelli occupazionali. In casi come questo l’unica parte da cui dovremmo stare è quella dei lavoratori. Chi invece ne approfitta per attacchi strumentali, peraltro mistificando la realtà, compie l’ennesimo bieco sciacallaggio politico”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it