Indietro

Abbandono rifiuti, ecco le guardie volontarie

Al via il servizio dell'Unione Valdera, 19 volontari per le strade dei Comuni, coordinati dal comando della polizia locale. Critiche dal centrodestra

PONTEDERA — Sono cittadini, volontari, che girano per le strade alla ricerca di rifiuti abbandonati. Sono stati formati per svolgere questo lavoro civico.

Le guardie ambientali volontarie, Gav, entrano in servizio lunedì. Per adesso sono 19. L'operazione è stata messa a punto dall'Unione Valdera. A coordinare le Gav è il comando della polizia locale.

Il sindaco Simone Millozzi, che è anche delegato alla polizia locale per quanto riguarda l'Unione Valdera, ha spiegato che si tratta di "un corpo riconosciuto dalla Regione, hanno la qualifica di pubblico ufficiale e sono in uniforme". Le gav opereranno in tutti i Comuni dell'Unione, ovvero Pontedera, Bientina, Calcinaia, Buti, Casciana Terme Lari, Capannoli e Palaia.

L'abbandono dei rifiuti è il primo focus su cui si concentreranno le gav, anche se Millozzi ha detto che auspica diventino dei punti di riferimento per la città, anche perché potranno segnalare alle forze dell'ordine comportamenti o situazioni pericolose. Oltre a questo le Gav potranno essere utilizzati anche a fini didattici nelle scuole, o per affrontare altre situazioni di controllo a livello, appunto, ambientale. 

Riguardo alle Gav sono arrivate le critiche dei consiglieri comunali di opposizione Federica Barabotti e Domenico Pandolfi: "Si fanno belli con le nostre idee - hanno detto - Quando chiedemmo spiegazioni sull'operato degli ispettori ambientali nominati dal comune senza la qualifica necessaria proponendo di fare una convenzione con le gav che, oltre ad essere competenti e preparati in materia avevano appunto la qualifica di pubblico ufficiale, ci fu risposto, con l'aria di chi ha sempre la verità in tasca, di no... adesso nell'approssimarsi delle elezioni si presentano in "pompa magna" sbandierando l'accordo con le gav... abbiamo perso anni, speso per raccogliere rifiuti abbandonati... per non voler ammettere che l'opposizione aveva ragione... Auguriamo un buon lavoro ai volontari".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it