Indietro

"Attacco strumentale e atteggiamento sclerotico"

Così il Pd Ponsacco bolla l'intervento della Lega Nord in merito alla questione dei migranti del Brichotel: "Settantamila euro in più per i sociale"

PONSACCO — Un "attacco strumentale" lanciato con un "atteggiamento sclerotico e contraddittorio". Così il Pd Ponsacco, in una nota, definisce l'intervento della Lega Nord locale sulla questione dei migranti richiedenti asilo ospitati al Brichotel e protagonisti nei giorni scorsi di una protesta per le condizioni in cui versavano all'interno della struttura e che ha visto anche l'intervento del Prefetto.

"Come ormai è ben noto - chiariscono dal Pd -, la gestione dei migranti sul territorio è coordinata interamente dalla Prefettura di Pisa, attraverso l’individuazione di soggetti privati a cui affidare il servizio. È la Prefettura che emana un bando rivolto ai privati, i quali mettono a disposizione immobili privati dove accogliere i profughi. E il Comune non può impedire il trasferimento di queste persone in uno stabile di proprietà privata".

E ancora: "Chi gestisce queste strutture percepisce i fondi direttamente dal Ministero, che a sua volta li riceve dall’Unione Europea, neppure un Euro esce dalle casse del Comune per queste attività. Al contrario il Comune eroga le proprie risorse per aiutare i residenti che ne fanno domanda, tant'è vero che, secondo i dati fornitici dagli uffici comunali, chi ha i requisiti è stato sempre accontentato nelle proprie richieste. Addirittura, nel 2017 il Comune sta erogando 70mila euro in più rispetto allo scorso anno per le spese destinate al sociale".

Poi  democratici attaccano il Carroccio: "Mentre a Cascina la sindaca leghista attacca la gestione della Tinaia evidenziandone i disagi prodotti dalla gestione e addirittura si aggiunge alla protesta dei profughi per difenderne le richieste e i diritti; a Ponsacco la Lega si pone contro le esigenze dei migranti, nascondendo gran parte della natura delle loro rivendicazioni (ad esempio assistenza medica, acqua calda per lavarsi, pulizia dei locali e un cambio di vestiario). Se i leghisti sono d’accordo come noi che la gestione dei profughi non deve trasformarsi in un business per chi li gestisce, converranno che tutti i soldi che il gestore riceve per ogni migrante debbano essere spesi per mantenere gli ambienti salubri e la permanenza dignitosa, nel rispetto dei più elementari diritti umani".

"È proprio per questi motivi - hanno concluso i democratici - che il Pd chiederà ai propri rappresentanti politici di vigilare affinché non si speculi sui profughi e che non si realizzino ghetti sul territorio. Fermo restando che il modello di accoglienza Brichotel non è quella che piace a noi, come ribadito al Prefetto, faremo comunque la nostra parte affinché non si presentino tensioni sociali nel Comune, al contrario di chi invece specula politicamente su tale questione e non perde occasione per manipolare la realtà dei fatti, fomentando l’odio e l’intolleranza".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it