Indietro

L'assemblea per parlare del caso fanghi

L'agronomo del Sant'Anna Bonari: "Importante che non vi siano metalli". Macelloni: "Bene le indagini, non ledere anzitempo l'immagine del territorio"

PECCIOLI — Fare il punto sull'inchiesta relativa allo spandimento di fanghi e difendere il territorio da altri tipi di “infangatori”. Questi i temi affrontati durante l'assemblea pubblica fortemente voluta dall'amministrazione comunale in collaborazione con docenti esperti e rappresentanti delle associazioni degli agricoltori, che si è tenuta ieri sera in un centro polivalente colmo di gente.

Dopo aver ben accolto le indagini delle forze dell'ordine per far luce sulla vicenda, il sindaco Renzo Macelloni ha aperto la discussione e inquadrato tutti gli aspetti della questione, le competenze dei singoli enti in materia, la necessità di attendere gli esiti degli approfondimenti per capire la reale gravità, per non ledere prima del tempo l'immagine dell'intero territorio. “Chi lo fa – ha detto – è un irresponsabile”.

Hanno poi parlato un docente accademico e due rappresentanti degli agricoltori. L'agronomo della Scuola Superiore Sant'Anna Enrico Bonari ha spiegato cosa sono i fanghi e le normative che regolano lo spandimento, precisando che ciò su cui occorre fare attenzione è la depurazione e la quantità di metalli pesanti. L’attività di utilizzo dei fanghi in agricoltura, invece, non deve essere demonizzata perché è una pratica riconosciuta legalmente e, a detta di molti tecnici del settore, anche utile.

Alessandro Stassano dell'Unione agricoltori di Pisa ha gridato al grave danno per il territorio: “Ancora non ci sono analisi certe – ha commentato - e già si è fatto un danno reputazionale alla zona”. Poi ha assicurato che l'associazione è pronta a difendere tutti gli agricoltori, almeno fin quando le indagini non dimostreranno che c'è qualcuno che ha sbagliato.

Infine, il presidente della Coldiretti Pisa Fabrizio Filippi ha spostato l'attenzione sui cittadini-consumatori, ago della bilancia nella scelta del tipo di agricoltura e nel suo sostegno.

Dopo interventi di vari agricoltori di zona, il sindaco Macelloni ha poi assicurato che il Comune si incaricherà, proprio in difesa del territorio e degli agricoltori stessi, di promuovere un monitoraggio sui terreni oggetto delle indagini.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it