Indietro

"Il commissariato chiuso nonostante ci siano 40 poliziotti in servizio"

Nell'ultimo mese per 20 notti nessun operatore. Cardogna (Ugl): "A Volterra sono in dieci e sono aperti h24"

PONTEDERA — Manifestazione della Polizia di Stato a Pontedera davanti al commissariato di piazza Trieste. Sindacalisti della polizia, agenti ma anche forze politiche hanno manifestato contro le chiusure programmate del commissariato di Pontedera. "Nel mese di luglio,- dicono dall'Ugl Polizia (Unione generale del lavoro sezione polizia di Stato) -, per venti giorni non c'è stato nessun operatore in servizio al commissariato di Pontedera".

“Questo vuol dire – spiega Lorenzo Cardogna segretario provinciale Ugl - che se qualcuno suona al commissariato di notte per un'emergenza non c'è nessuno che può aprire. Inoltre le telefonate e le segnalazioni che arrivano dalla Valdera sono accolte da operatori di altri commissariati che non conoscono bene il territorio”. Una situazione anomala perché il commissariato di Pontedera dispone di circa 40 effettivi: “A Volterra il commissariato non arriva a 10 agenti – prosegue Cardogna - eppure lì non ci sono chiusure programmate, c'è un operatore disponibile H24”. Secondo Cardogna le ragioni di queste chiusure possono essere di natura organizzativa: “Può essere disorganizzazione anche se non ne siamo certi visto che – spiega - il questore di Pisa interrogato da noi sulla vicenda non ha fornito spiegazioni”.

Anche il responsabile territoriale Ugl Giorgio Simoncini lancia un monito sulle chiusure programmate: “Quando non si presidia costantemente un territorio – spiega – si finisce che a controllarlo siano altri, magari le mafie. La presenza della Polizia di stato qui in Valdera non deve essere messa in discussione e queste chiusure programmate non sono accettabili con quaranta effettivi”.

Alla manifestazione erano presenti anche il consigliere della lista civica indipendente Alessandro Puccinelli e gli esponenti di Fratelli d'Italia Matteo Arcenni e Matteo Bagnoli. Proprio Bagnoli ha spiegato di aver proposto un'interrogazione al sindaco Millozzi sul problema delle chiusure programmate: “Abbiamo proposto un'interrogazione. Il problema della sicurezza è importante, tuttavia Millozzi ha risposto dicendo che le chiusure programmate del commissariato non sono un suo problema. Secondo noi invece – conclude Bagnoli – la sicurezza del territorio è una priorità dell'amministrazione”.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it