Indietro

Divieto di distruggere i nidi di rondine

E neppure quelli di balestruccio e rondone. Il provvedimento, voluto dal Comune, per salvaguardare gli uccelli migratori

SANTA MARIA A MONTE — Vista la necessità di intervenire per la salvaguardia e la tutela degli uccelli migratori, la sindaca Ilaria Parrella ha firmato un'ordinanza che impone il divieto di distruggere, danneggiare o rimuovere i nidi delle specie di Rondine (Hirundo rustica), Balestruccio (Delichon urbicum) e Rondone (Apus apus), le quali rappresentano specie protette su tutto il territorio nazionale.

"Si chiede, quindi, a chiunque - hanno specificato dall'amministrazione comunale - di rispettare i nidi delle specie citate e di provvedere, dove possibile, alla loro tutela e protezione. È ammessa deroga al divieto nel solo caso di restauro e ristrutturazione di fabbricati esclusivamente al di fuori del periodo di nidificazione (ossia dal 15 settembre al 15 febbraio di ogni anno)".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it