Indietro

"Cambiare il piano per l’accoglienza dei migranti"

Don Armando Zappolini

Don Zappolini fa appello al Governo Conte: "Il sistema di accoglienza dei migranti non tutela i diritti delle persone e favorisce le speculazioni"

CASCIANA TERME LARI — “Fermare il business dei migranti? Magari! E’ dai tempi dell’Emergenza Nord Africa che chiediamo alle istituzioni di mettere fine a un sistema di accoglienza che non tutela i diritti delle persone straniere e favorisce le speculazioni”

Inizia così la presa di posizione di Don Armando Zappolini presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA), in risposta e a commento alla dichiarazione del nuovo presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Don Armando continua affermando che “È dai tempi dell’Emergenza Nord Africa che denunciamo la situazione intollerabile in cui versa l’accoglienza dei migranti nel nostro paese. Uno scandalo che ha una causa precisa: aver lasciato il sistema di accoglienza in condizione di perenne ‘emergenza’. A pagare per questo errore sono state prima di tutto proprio le persone migranti, gettate in sistemazioni indegne. Ma anche i cittadini che vivono nelle vicinanze di mega strutture gestite, senza coscienza e senza progetto, da speculatori improvvisatisi operatori accoglienti. Sono proprio costoro che hanno fatto la ‘pacchia’ in questi anni, come un ministro dell’Interno dovrebbe sapere. Se davvero il governo vuole porre fine alle speculazioni – e rispettare i diritti delle persone migranti – c’è una sola strada da seguire: favorire le strutture di piccole dimensioni (con 10-15 ospiti al massimo), integrate con il territorio, in cui realmente vengano predisposti progetti personalizzati per ogni singolo ospite in cui siano previsti non solo vitto e alloggio, ma anche azioni di inserimento sociale e lavorativo. Stabilire un set di criteri adeguati, esigenti e vincolanti per le strutture di accoglienza allontanerebbe automaticamente gli speculatori perché i margini di guadagno sarebbero praticamente nulli, viste le rette molto basse previste per le strutture che ospitano persone migranti. A queste condizioni, solo organizzazioni sociali serie e motivate parteciperebbero ai bandi.”

Non si ferma qui Don Zap e ribadisce con forza il suo concetto, concludendo così l'appello:

Attendiamo, dunque, dal presidente del Consiglio Conte e dall’intero governo di veder finalmente realizzato questo piano per l’accoglienza dei migranti che tutti i principali soggetti sociali impegnati in quest’ambito chiedono da anni. “Vorrei far notare – conclude Zappolini - che i più di 100 rifugiati accolti dalla nostra cooperativa “ Il Cammino” con sede a Perignano, dimostrano che questo metodo funziona. Chi ha favorito il business di tanti disonesti ha contribuito a questo clima di intolleranza e di razzismo

Marcella Bitozzi
© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it