Indietro

Il male delle foibe raccontato da una studentessa

Una giovane dell'Itis Marconi ha letto il suo intervento nel corso della cerimonia di commemorazione promossa dal Comune, citando Hannah Arendt

PONTEDERA — Anche Pontedera ha ricordato la strage delle foibe sabato scorso, dedicando al drammatico evento una cerimonia alla quale hanno preso parte alcuni studenti del territorio, insieme all'assessore Liviana Canovai, i consiglieri Mattie Belli e Floriano Della Bella e la professoressa Daniela Bernardini. Una studentessa iscritta alla terza BME dell'Itis Marconi, ha ricordato la triste pagina di storia con queste parole:

Buongiorno a tutti, a nome degli studenti e dei docenti dell’Iti “Marconi” di Pontedera ringraziamo l’amministrazione comunale per averci coinvolti ancora una volta in questa commemorazione.
Nel Giorno della Memoria e nel Giorno del Ricordo abbiamo studiato la vita delle persone che sono state coinvolte nel dramma della Shoah, delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata.
In particolare abbiamo letto la biografia delle donne che hanno trascorso parte della loro vita nei lager nazisti, che hanno avuto familiari infoibati, che sono state esse stesse vittime delle foibe e dell’esodo.
Leggerò due testimonianze che ci hanno particolarmente colpito perché richiamano noi giovani a una forte responsabilità.
La prima frase fa parte della testimonianza di Liliana Segre, nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica Mattarella proprio nel Giorno della Memoria: "Incontravamo un gruppetto di giovani nostri coetanei, bei ragazzi biondi, con delle belle biciclette. Quei ragazzi ci incrociavano, ci sputavano addosso, ci insultavano…Ed ho ancora davanti agli occhi le facce indifferenti della gente del posto… Ancora oggi mi chiedo se avessero paura di farsi coinvolgere in un gesto di umana pietà perché minacciati e se fossero tutti obbedienti assertori della pura razza ariana".
La seconda testimonianza è riferita alla storia di Norma Cossetto, una giovane di 24 anni, gettata nella foiba di Visigada dopo aver subito terribili violenze dai suoi carnefici. Queste le parole della sorella Licia dopo il recupero del corpo di Norma: "Norma era bellissima e quando vidi il suo corpo ridotto fuori dalla foiba inizialmente non la riconobbi. Ho cercato di guardare se aveva dei colpi di arma da fuoco, ma non aveva niente; sono convinta che l’abbiano gettata giù ancora viva… Quando il corpo di Norma fu riesumato la ragazza era nuda, le braccia legate con il filo di ferro, i segni delle sevizie ancora sul corpo".
Di fronte a queste parole, noi giovani cresciuti in un clima di pace, vogliamo assumerci le nostre responsabilità e non rimanere indifferenti. Cosa possiamo fare? Studiare la storia, sostenere sempre l’importanza della Memoria ed essere vigili nella nostra quotidianità per riconoscere quelli che Hannah Arendt chiama i sintomi della “banalità del Male”.
Veronica Petri

Fotogallery


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it